Statistiche gratis
Avv. ANTONIO CARDELLA Via Cimaglia, 112 Tel/Fax 081 8491273 80059 Torre del Greco (NA) ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA E DEI CONSUMATORI
25 Novembre 2020
news
percorso: Home > news > CITTA´

CRISI POLITICA A TORRE DEL GRECO

17-09-2013 19:58 - CITTA´
di ALBERTO DORTUCCI
TORRE DEL GRECO -
È già in pericolo la «pace d´agosto» firmata a palazzo Baronale per convincere Gennaro Malinconico a ritirare le irrevocabili dimissioni-bis dalla carica di sindaco: la prima «tempesta» di settembre - l´addio di Filippo Colantonio alla poltrona di presidente del consiglio comunale - rischia di spazzare via le buone intenzioni dell´estate e riaprire in tempi record la «guerra fredda» all´interno della litigiosa maggioranza guidata dall´avvocato penalista.
La casella lasciata libera dall´ex commissario cittadino dell´Udc - insieme alla decisione del primo cittadino di lasciare fuori gli alleati dalla scelta dei componenti dell´organismo indipendente di valutazione del Comune - potrebbe, infatti, innescare un vero e proprio valzer di incarichi all´ombra del Vesuvio.
William Hill Sport Un «giro di ballo» orchestrato dal solito Nello Formisano, pronto a rivendicare la «visibilità» negata a Centro Democratico con il rimpasto politico deciso a maggio da Gennaro Malinconico. L´elezione del nuovo presidente dell´assise diventerebbe così l´occasione per rimettere tutto in discussione: l´obiettivo del braccio destro di Bruno Tabacci resta, infatti, la poltrona del vicesindaco - al momento in quota Pd, a dispetto dei «numeri» in consiglio comunale - destinata a diventare merce di scambio per la presidenza del consiglio comunale. Un ruolo che - secondo l´idea di Nello Formisano - sarebbe tagliato su misura per Massimo Meo (in foto), il capogruppo del Pd. La cui eventuale elezione - caldeggiata non solo dai fedelissimi dell´onorevole di Cd, ma ambita dallo stesso avvocato civilista alla seconda esperienza a palazzo Baronale - costringerebbe, tuttavia, il sindaco a rivedere in corsa gli «equilibri» all´interno della giunta. Lasciando nella migliore delle ipotesi al Pd una «semplice» poltrona da assessore e aprendo la strada per il «recupero» della carica di numero due dell´amministrazione comunale da parte di Centro Democratico. Uno scenario, ovviamente, in netta contrapposizione con l´obiettivo della «cenerentola» della maggioranza miracolosamente premiata con la poltrona di vicesindaco: un incarico che il Pd potrebbe conservare solo proponendo di consegnare la presidenza del consiglio comunale al capogruppo di Cd, l´avvocato civilista Domenico Sorrentino. Due differenti orientamenti, destinati a infiammare le prossime riunioni degli alleati e le successive scelte del sindaco Gennaro Malinconico. Fino a oggi libero dall´assillo dei numeri, ma adesso costretto a fare i conti con il «peso» dei fedelissimi di Nello Formisano per l´approvazione di qualsiasi provvedimento in consiglio comunale.
twitter: @a_dortucci
17/09/2013

Fonte: Metropolisweb

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio