Statistiche gratis
Avv. ANTONIO CARDELLA Via Cimaglia, 112 Tel/Fax 081 8491273 80059 Torre del Greco (NA) ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA E DEI CONSUMATORI
27 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > ATTIVITA´

DIVORZI IN TRASFERTA - SCOPERTA LA TRUFFA

03-11-2013 12:17 - ATTIVITA´
Divorzi in trasferta, scoperta la truffa Nei guai 180 coppie italiane in Inghilterra
Pubblicato 3 novembre 2013 | Da Redazione
RICHIESTO L´ANNULLAMENTO DELLE SENTENZA GIÀ OTTENUTE

In Inghilterra è stato scoperto un vero e proprio "traffico" internazionale di divorzisti, provenienti soprattutto dall´Italia: sono almeno 180 le coppie che, per aggirare la difficile legislazione italiana sul divorzio - che prevede l´obbligo di far trascorrere almeno tre anni di separazione legale - si sono recate in Gran Bretagna, chiedendo la residenza lì, per potere ottenere il divorzio dal coniuge entro sei mesi.

L´imbroglio dei turisti dei divorzi è stato smascherato perché i funzionari giudiziari inglesi hanno scoperto che, in 179 casi di divorzio su 180, una delle parti che chiedeva il divorzio aveva dato lo stesso indirizzo di residenza, indirizzo che non corrispondeva nemmeno a un´abitazione bensì a una casella postale, mentre tutti i coniugi erano ancora residenti in Italia.

Dopo aver ottenuto la residenza all´estero, infatti, nella maggior parte dei casi le coppie potevano chiedere il divorzio dopo appena sei mesi. "Ma è illegale usare residenze finte a questo scopo", precisa il quotidiano inglese Daily Mail. Così, il più alto giudice britannico del diritto di famiglia, Sir James Munby, ha richiesto l´annullamento dei 180 divorzi. Una batosta per tutti i "furbetti" italiani che avevano pensato di aggirare così la giurisdizione italiana per ottenere il più presto possibile il divorzio dal coniuge, pagando anche fino a 4 mila euro per pratica. Ora, con la coda tra le gambe, tutte le coppie a cui sarà revocato il divorzio hanno dichiarato che non si opporranno, tranne due che tenteranno invece di far rispettare la sentenza ottenuta in giurisdizione inglese. Un rappresentante del governo italiano sarà presente in tribunale per seguire i procedimenti.



Fonte: AMI - ASSOCIAZIONE AVVOCATI MATRIMONIALISTI ITALIANI

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio