Statistiche gratis
Avv. ANTONIO CARDELLA Via Cimaglia, 112 Tel/Fax 081 8491273 80059 Torre del Greco (NA) ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA E DEI CONSUMATORI
24 Luglio 2019
news

E´ punibile penalmente il coniuge che, per impedire il diritto di visita del figlio, evita i contatti telefonici con l´ex. Fonte

25-10-2013 17:45 - FAMIGLIA E MINORI
E´ punibile penalmente il coniuge che, per impedire il diritto di visita del figlio, evita i contatti telefonici con l´ex. Fonte

Pubblicato 25 ottobre 2013 | Da Redazione Cassazione3

E´ punibile penalmente il coniuge che, per impedire il diritto di visita del figlio, evita i contatti telefonici con l´ex. Con la separazione dei coniugi si registrano,spesso, atteggiamenti ostruzionistici nei confronti dell´altro coniuge dettati il più delle volte da ruggini e rancori mai completamente elaborati; purtroppo vittime di questi errati comportamenti genitoriali sono sempre i figli.

Tra gli atteggiamenti ostruzionistici c´ e´ quello di non essere raggiungibile telefonicamente o di non rispondere alle chiamate dell´ ex al solo fine di impedire all´altro genitore la visita dei propri figli.
Un simile comportamento oltre ad essere riprovevole da un punto di vista morale ha soprattutto rilevanza penale.

A stabilirlo e´ proprio la Cassazione con la sentenza 43293 del 23 ottobre 2013, che ha confermato la condanna, ad una madre affidataria, per il reato di "mancata esecuzione dolosa del provvedimento del giudice".

Nel caso in questione la sesta sezione penale della Suprema Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso di una donna avverso la condanna della Corte d´appello di Reggio Calabria che l´aveva punita per il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice. Più in dettaglio, la madre affidataria dei minori impediva al coniuge separato di tenere con sé i figli nei giorni e nelle ore stabilite, così come disposto dal decreto di omologazione della separazione consensuale, evitando i contatti telefonici.


Dunque, la Suprema Corte si è uniformata alla decisione del giudice dell´appello, che aveva giudicato la madre colpevole in quanto la sua condotta configurava il delitto di cui all´art. 388, comma 2, del codice penale poiché (anche in pendenza del giudizio di separazione personale), aveva rifiutato, senza giustificato e plausibile motivo, di affidare il figlio all´altro coniuge per il periodo stabilito col provvedimento del giudice . La madre affidataria, per aver posto in essere una simile condotta e´ stata condannata a pagare mille euro in favore della Cassa delle ammende.


Fonte: AMI - ASSOCIAZIONE AVVOCATI MATRIMONIALISTI ITALIANI

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio