Statistiche gratis
Avv. ANTONIO CARDELLA Via Cimaglia, 112 Tel/Fax 081 8491273 80059 Torre del Greco (NA) ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA E DEI CONSUMATORI
27 Settembre 2020

I NONNI NON HANNO UN AUTONOMO DIRITTO DI VISITA AI NIPOTI

22-06-2015 17:54 - DIRITTO DI VISITA DEI NONNI
CASSAZIONE: sentenza n. 752 del 19.01.2015

La recente sentenza n. 752 del 19.01.2015 della Cassazione, pur riconoscendo il diritto dei minori di conservare rapporti significativi con i nonni, ha ribadito che questi ultimi non hanno un autonomo diritto di visita ai nipoti.

Secondo la detta decisione, il giudice prima di emettere provvedimenti sulla ripartizione delle visite ai minori deve effettuare una specifica indagine avendo come obiettivo una rafforzata tutela del diritto del bambino ad una crescita serena ed equilibrata.

In altri termini, il diritto di visita dei nonni è sottoposto all´interesse esclusivo del minore.



MA IL GIORNO SUCCESSIVO VIENE EMESSA UNA STORICA SENTENZA DELLA CEDU

IL LEGAME NONNI-NIPOTI E´TUTELATO DALLA CARTA EUROPEA DEI DIRITTI DELL´UOMO

Una storica sentenza emessa dalla Corte Europea dei Diritti dell´Uomo (CEDU sez. II nel caso Manuello e Nevi c. Italia del 20 gennaio 2015) riconosce che il rapporto nonni-nipoti è uno dei legami familiari tutelato dalla carta europea dei diritti dell´uomo.

Ogni singolo staro deve predisporre tutte le misure necessarie per tutelare il benessere del minore e favorire il percorso di conciliazione con i nonni, dovendosi ritenere il loro legame uguale a quello dei minori con i genitori e quindi dovendosiapplicare gli stessi principi.

Pertanto i nonni, come i genitori, sono titolari del diritto ineliminabile di visita ai nipoti senza ostacoli di sorta, qualora ciò non si ripercuota in un pregiudizio per i minori.



IL CASO

Un uomo viene assolto con formula piena dalla denuncia di abusi sessuali sulla figlia minore di 5 anni.

Nelle more del procedimento l´uomo si separa dalla moglie.

Il tribunale sospende gli incontri della ragazza con il padre e con i nonni paterni (che avevano sempre avuto uno stretto rapporto con il figlio e la nipote, con la quale avevano trascorso prolungati periodi estivi), dato che la nipote dimostrava disagio e conflittualità ad incontrarli. Era valorizzata una perizia dei servizi sociali che riteneva di parte la loro posizione, per aver sempre supportato il figlio, dato che «la mancanza d´indipendenza della posizione dei nonni da quella del figlio poteva causare grandi sofferenze alla nipote, sì che queste visite non erano più compatibili col suo benessere»

In fatto, da circa 12 anni, la minore si vede privare dei legami con il padre e con i nonni

La decisione del tribunale viene confermata dalla Corte d´Appello e dalla Cassazione.

Ma i nonni, che non si rassegnavano, hanno fatto ricorso alla CEDU, che ha dato loro ragione, essendo stato violato l´art. 8 CEDU, condannando lo Stato italiano ad un risarcimento di euro 21.000,00, oltre interessi ed oneri di legge.

La conclusione è che occorre cercare di ricucire i rapporti, favorendo, attraverso le strutture pubbliche, la riconciliazione e il dialogo.

FONTE: IL MATRIMONIO IN TRIBUNALE

Fonte: Il matrimonio in Tribunale

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio