Statistiche gratis
Avv. ANTONIO CARDELLA Via Cimaglia, 112 Tel/Fax 081 8491273 80059 Torre del Greco (NA) ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA E DEI CONSUMATORI
20 Settembre 2020

Il pagamento del prezzo di un immobile da parte del convivente costituisce arricchimento senza giusta causa

04-01-2016 18:12 - PRIMO PIANO ASSOCIAZIONE MATRIMONIALISTI ITALIANI
Cassazione civile, sez. III, 22/09/2015, (ud. 23/06/2015, dep.22/09/2015), n. 18632Il pagamento di parte del prezzo di un immobile da parte del convivente del compratore non può configurare un contratto (tra venditore e colui che versa il maggior importo) a favore del terzo (compratore), qualora risulti che il prezzo reale della compravendita sia stato concordato tra venditore e compratore e che quest’ultimo fosse consapevole del pagamento da parte del proprio convivente.

Ai sensi dell’art. 2041 c.c. l’avvenuto pagamento di parte del prezzo di un immobile da parte di un convivente, traducendosi in un incremento patrimoniale, costituisce arricchimento ingiustificato qualora la prestazione effettuata travalichi i limiti di proporzionalità ed adeguatezza comparati alle condizioni sociali e patrimoniali dei partners con conseguente esclusione della riconducibilità della prestazione svolta alla disciplina delle obbligazioni naturali tra conviventi.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio