Statistiche gratis
Avv. ANTONIO CARDELLA Via Cimaglia, 112 Tel/Fax 081 8491273 80059 Torre del Greco (NA) ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA E DEI CONSUMATORI
27 Settembre 2020

La Procura di Torre Annunziata rivuole l´inchiesta

25-09-2012 20:12 - AGGIORNAMENTI e COMMENTI
Lo annunciarono all´indomani del trasferimento dell´inchiesta Deiulemar a Roma. I pm della Procura di Torre Annunziata fecero subito intuire che non sarebbero rimasti a guardare quello che, secondo gli osservatori della vicenda, era un vero e proprio "scippo". Ieri mattina è stato formalizzato il ricorso in Cassazione contro la decisione del Tribunale del Riesame che aveva dichiarato incompatibile con il prosieguo dell´inchiesta a Torre Annunziata.
Il Riesame, accogliendo la contestazione dell´avvocato Alfonso Stile, difensore dei fratelli Angelo, Pasquale e Micaela Della Gatta, aveva ritenuto incompatibile il fatto che l´inchiesta fosse svolta a Torre Annunziata. Per il Riesame, infatti, la presenza negli elenchi degli obbligazionisti della compagnia di navigazione di Torre del Greco di un magistrato in servizio presso il Distretto della Corte d´Appello di Napoli, era motivo sufficiente a rendere incompatibile la posizione dei magistrati.
Un colpo di teatro in una vicenda complessa che, di fatto, determinò uno stop all´indagine. I fascicoli furono assegnati al pubblico ministero Paolo D´Ovidio e al giudice per le indagini preliminari Annamaria Fattori. Nel frattempo anche tutti i ricorsi presentati al Riesame di Napoli dovettero essere spostati presso i giudici della Libertà della Capitale.
Settimane in cui da Roma non vi sono stati sostanziali movimenti sull´inchiesta. Il Gip si è solo limitato a riformulare le ordinanze per evitare che, scaduti i venti giorni, gli indagati potessero tornare in libertà. Nel frattempo il Riesame romano ha rimesso in libertà Micaela Della Gatta e sua madre, Lucia Lembo. Disponendo la stessa misura anche per l´ultimo superstite della triade dei vecchi fondatori: Giuseppe Lembo.


In queste settimane inoltre, il magistrato chiamato in causa (che lavora alla sezione distaccata di Castellammare del Tribunale di Torre Annunziata) aveva chiarito ogni aspetto della vicenda.
Motivo per il quale la Procura di Torre Annunziata, guidata dal Procuratore aggiunto Raffaele Marino, ha deciso di alzare il tiro. Le carte con cui i pm torresi chiedono di rientrare in possesso della titolarità dell´indagine sono partite ieri mattina all´indirizzo della Cassazione. Una decisione che era nell´aria, visto che solo pochi giorni fa sempre la procura torrese con i pm Prisco e Raimondi, avevano ufficializzato anche il sequestro di due navi della Deiulemar Shipping, la società controllata dalla Deiulemar compagnia di navigazione per la quale i vertici avevano chiesto il concordato preventivo alla sezione fallimentare. Un segnale evidente del fatto che la Procura torrese non avesse alcuna intenzione di mollare la presa sull´indagine. Ritenendo anche direttamente collegate le vicende della Shipping con quelle della Deiulemar. Ora, si attende solo che la Cassazione scriva la parola fine su questo conflitto di competenza.

Fonte: Metropolisweb

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio