Statistiche gratis
Avv. ANTONIO CARDELLA Via Cimaglia, 112 Tel/Fax 081 8491273 80059 Torre del Greco (NA) ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA E DEI CONSUMATORI
10 Dicembre 2019
news

Processo agli armatori

28-11-2013 18:34 - FALLIMENTO DEIULEMAR
Processo agli «armatori-vampiri»: al processo scocca l´ora delle vittime del crac Deiulemar


di CIRO FORMISANO
TORRE DEL GRECO -
Dai «tuttofare» ai periti, passando per le vittime: i 13.000 obbligazionisti travolti dal crac finanziario della Deiulemar compagnia di navigazione. Si chiuderà il prossimo 16 dicembre - data della nuova udienza fissata dal collegio della quarta sezione del tribunale penale di Roma, presieduto da Laura Di Girolamo - il cerchio sul tracollo finanziario dell´ex banca privata di Torre del Greco.
Dopo le ricostruzioni fornite in aula dai «factotum» dell´ex colosso economico di via Tironi e le considerazioni tecniche in relazione alle stime del patrimonio navale emerse nel corso della seduta del processo andata in scena ieri mattina, a inchiodare definitivamente i vertici delle tre «dinastie» a capo della Deiulemar compagnia di navigazione saranno direttamente le «vittime» del fallimento da 800 milioni di euro: i risparmiatori che hanno investito soldi e fiducia nei «carati» di Torre del Greco.
Saranno in quattro-cinque - come sottolinea l´avvocato Antonio Cardella del comitato dei creditori - gli obbligazionisti chiamati a puntare il dito contro gli armatori-vampiri, come testimoni nel processo penale in corso dinanzi alla quarta sezione penale del tribunale di Roma.
Una svolta dopo le deposizioni choc rilasciate nel corso del processo da alcuni «tuttofare» dell´impresa armatoriale, con le «vittime» che saranno chiamate direttamente a ricostruire le trame del famoso sistema di raccolta abusiva del risparmio messa in piedi dalle tre famiglie Della Gatta-Iuliano-Lembo, ma anche e soprattutto i rapporti diretti tra i risparmiatori e gli imputati: dato sinora emerso solo marginalmente dal processo visto che - secondo quanto ripetuto dai super testimoni che in queste settimane sono sfilati in aula, a partire dalla «sanguisuga» Paolo Palomba - i rapporti di «scambio» si sarebbero limitati alla consegna del denaro nelle mani dei «dipendenti-cassieri». «L´obiettivo- ripete l´avvocato Antonio Cardella - è porre all´attenzione del collegio il diretto coinvolgimento degli armatori all´interno del sistema di raccolta del denaro, confermando, con le testimonianze dei risparmiatori, i rapporti diretti tra obbligazionisti e imprenditori. Così potremmo arricchire, con nuovi tasselli, il quadro accusatorio, chiarendo al contempo le dinamiche di un crac che ha messo in ginocchio una città intera».
Nel corso dell´udienza andata in scena ieri - a cui non erano presenti gli imputati - davanti a risparmiatori e giudici hanno sfilato periti e consulenti per la valutazione oggettiva di parte della flotta navale ancora in «dotazione» all´ex impresa armatoriale. Un valzer di questioni tecniche culminato nel rinvio al prossimo 16 dicembre, data in cui saranno direttamente gli obbligazionisti a puntare il dito contro gli imprenditori. «Sinora siamo pienamente soddisfatti dell´esito di questo processo - conclude Antonio Cardella - lentamente stanno emergendo tutte le dinamiche e soprattutto le responsabilità dei vari imputati. Il quadro tracciato, in questi mesi, dalle deposizioni dei testimoni che sono comparsi davanti ai giudici è già sufficientemente chiaro e definito. Siamo davvero molto fiduciosi in vista dell´esito del processo». Ora la palla passa agli obbligazionisti. Chiamati a inchiodare in aula gli armatori, i vertici dell´ex banca privata nella quale 13.000 famiglie avevano investito fiducia e risparmi.
26/11/2013

Fonte: da Metropolis del 26/11/2013

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio